Quaresima 2014

Padre Enzo Bianchi, monaco di Bose, alcuni giorni fa scriveva sul giornale „Avvenire“ che la prima funzione della Quaresima è il risveglio della nostra coscienza di peccatori. Ognuno di noi, scoprendosi peccatore, sente il bisogno di essere salvato e questo atto di salvataggio avviene attraverso e per mezzo della persona di Gesù Cristo. Più scopro di essere peccatore, più Gesù mi salva.

S. Paolo nella 1 Tim 1,15 scrive: „Gesù è venuto per i peccatori, il primo dei quali sono io“. Questa opera di salvezza ha un segno ben preciso: è la cenere imposta sulle nostre teste il mercoledì di inizio Quaresima. Le opere di Quaresima sono la preghiera e il digiuno, l’ascolto intenso e la pratica di ciò che ci suggerisce la Parola di Dio e la nostra apertura solidale e accogliente nei confronti del nostro prossimo bisognoso.

Papa Francesco nella sua lettera scritta per il tempo quaresimale ci ricorda che siamo chiamati in modo particolare ad imparare, come credenti, a vivere con lo stile di Dio. Dio non vuole farsi servire da noi, come tante volte crediamo, ma Dio serve noi, si mette a nostro servizio. Dice il Papa, con una frase a effetto, che Dio è Dio al contrario. Egli muore per noi mettendosi a nostra completa disposizione. Questo è lo scandalo della Croce: meglio è la sapienza della Croce, come scriveva S. Benedetta della Croce.

Dal cielo alla terra, dalla condizione di Dio a quella mortale, da Signore a schiavo, da onnipotente a crocifisso; sì come dice la Gaudium et Spes: „Dio in Gesù Cristo ha lavorato con mani d‘ uomo, ha pensato con intelligenza d‘ uomo, ha agito con volontà d‘ uomo, ha amato con cuore d‘ uomo“.

Imparato allora lo stile di Dio, il cristiano deve vivere di conseguenza. Di grande importanza è quindi la nostra testimonianza nel servizio agli altri. La Quaresima è il sacramento della nostra conversione. Tutti abbiamo bisogno di convertirci, quindi tutti abbiamo bisogno di fare Quaresima. 

don Gianni Paganini

  • Il Mercoledì delle Ceneri, tutti i venerdì di Quaresima e il Venerdì Santo sono giorni di magro e digiuno.
  • Domenica 9 marzo 2014, I di Quaresima, al termine della S. Messa verranno imposte le S. Ceneri sul capo di chi lo desidera.
  • Ognuno, personalmente in questo periodo penitenziale,  scelga il suo proposito da realizzare e qualche opera buona di carità da attuare, come impegno della propria preparazione alla Pasqua.