Estate 2014

pbs_moewe_5Gabbiano

Contemplare: potrebbe essere un esercizio da mettere in atto durante questa bella stagione, per entrare in contatto con la natura. Certamente il periodo delle vacanze e delle ferie ce ne da la possibilità. Meravigliati, estasiati, proviamo a pensare, riflettere, meditare, lodare e benedire il Signore per la creazione, per tutto ciò che è uscito dalle sue mani, come qualcosa di molto buono.
Il Libro della Genesi alla fine di ogni giorno della creazione annota che tutto ciò che Dio aveva fatto era cosa buona; l’ultimo giorno, dopo aver creato l’uomo e la donna, lo scrittore sacro dice che tutto quanto Dio aveva fatto era cosa molto buona. S. Tommaso scrive che attraverso la contemplazione del creato noi arriviamo al Creatore, cioè  Dio. Allora attraverso la contemplazione di un bel paesaggio, del mare, dei monti, del tramonto, dell’alba, dei fiori, dei prati, degli animali, dell’uomo fatto ad immagine e somiglianza di Dio risaliamo al nostro Dio, che è grande, misericordioso e Padre.
Il Cantico di Daniele esprime bene questi sentimenti:

Benedite, opere tutte del Signore, il Signore,
lodatelo ed esaltatelo nei secoli.
Benedite, angeli del Signore, il Signore,
benedite, cieli, il Signore.

Benedite, acque tutte,
che siete sopra i cieli, il Signore,
benedite, potenze tutte del Signore, il Signore.
Benedite, sole e luna, il Signore,
benedite, stelle del cielo, il Signore.

Benedite, piogge e rugiade, il Signore,
benedite, o venti tutti, il Signore.
Benedite, fuoco e calore, il Signore,
benedite, freddo e caldo, il Signore.

Benedite, rugiada e brina, il Signore,
benedite, gelo e freddo, il Signore.
Benedite, ghiacci e nevi, il Signore,
benedite, notti e giorni, il Signore.

Benedite, luce e tenebre, il Signore,
benedite, folgori e nubi, il Signore.
Benedica la terra il Signore,
lo lodi e lo esalti nei secoli.

Benedite, monti e colline, il Signore,
benedite, creature tutte che germinate sulla terra, il Signore.
Benedite, sorgenti, il Signore,
benedite, mari e fiumi, il Signore.

Benedite, mostri marini e quanto si muove nell’acqua, il Signore,
benedite, uccelli tutti dell’aria, il Signore.
Benedite, animali tutti, selvaggi e domestici, il Signore,
benedite, figli dell’uomo, il Signore.

Buone vacanze!

don Gianni Paganini